• Il Meglio Della Settimana

Città fantasma - le prime cinque abitazioni abbandonate

Città fantasma - le prime cinque abitazioni abbandonate

Non c'è niente di così atmosferico come un luogo deserto ma un tempo abitato. Ecco cinque delle nostre migliori scelte per qualsiasi cacciatore di città fantasma. Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel novembre 2010.

Ghadames, Libia

Le case di Ghadames, una città dai colori pastello nel deserto del Sahara, sono fitte come il nido d'ape - è possibile per le donne viaggiare in città camminando sui tetti (tenendosi separati dagli uomini) - ei suoi vicoli coperti sono come un labirinto sotterraneo. Si possono immaginare gli abitanti che si aggirano negli angoli bui, ma ora Ghadames appartiene ai fantasmi: le sovvenzioni del governo hanno attratto i suoi ex 6000 abitanti berberi in case moderne fuori dalla città vecchia.

Vila I Ibo, Mozambico

I ficchi di Strangler avvolgono le loro dita attorno a porte un tempo eleganti, alti soffitti spalancati al cielo e balconi ornamentali arrugginiti al sole. Le grandiose dimore di Vila do Ibo nell'arcipelago di Quirimbas, nel Mozambico settentrionale, sono state dichiarate Patrimonio dell'Umanità, ma le loro facciate in pietra corallina sono in avanzato stato di abbandono che ti verrebbe perdonato il fatto di pensare che sia già troppo tardi per salvarle. I resti della città sono comunque molto suggestivi. Esplorando a piedi, puoi quasi immaginare la scena due o trecento anni fa, quando l'aria era piena del profumo delle spezie e delle urla dei marinai in visita.

Gholan Heights, Siria

Uno dei luoghi più controversi della Terra, le montagne sul confine meridionale della Siria sono state occupate da Israele per quaranta anni. La città collinare di Quneitra fu evacuata nel 1973 ei siriani rifiutarono di ricostruirlo, lasciandolo come monumento permanente all'azione israeliana. Quasi ogni singolo edificio è stato appiattito dall'esercito israeliano in partenza, dando alle strade un'atmosfera strana. I tetti di cemento grigio delle piccole case giacciono tutt'attorno al terreno, intorno all'edificio di dimensioni più grandi, lasciato in piedi, ma sventrato internamente.

Djado, Niger

Timbuktu? Dimenticalo. Un mistero molto più intrigante giace nascosto sul lato più lontano del Deserto del Niger; qui, tra vaste pianure, villaggi abbandonati e intriganti arte rupestre, la cittadella di Djado in mattoni di fango si erge da piscine orlate di palme piene di canne verde brillante, come il castello di un folletto non mondo. Quando è stato costruito Djado? Perché è stato abbandonato? Il vento caldo agita i palmi ma mantiene i suoi segreti.

Il villaggio sospeso di Habalah, Arabia Saudita

Il villaggio abbandonato di Habalah, che sembra penzolare da una scogliera alta 250 metri su una profonda vallata, è un insediamento davvero unico. Prende il nome da "habi" che significa "corda" - un riferimento alle scale che gli abitanti scomparsi usavano per scendere nelle loro abitazioni dall'altipiano sopra. Costruite nella roccia su cui si ergono, le case offrono uno spaccato affascinante della vita tradizionale saudita e danno un significato completamente nuovo alla frase "vivere ai margini".

NB: Il FCO attualmente sconsiglia tutti i viaggi in Siria e in parti della Libia e del Niger: assicurati di controllare la tua ambasciata locale prima di viaggiare in qualsiasi paese.

Lascia Un Commento: