• Il Meglio Della Settimana

Viaggiare con i bambini

Viaggiare con i bambini

Ho parlato con molti che vorrebbero viaggiare in famiglia, ma temo che sia troppo difficile, forse persino ingiusto verso i loro figli. Viaggiare con i bambini ha certamente le sue sfide, ma dopo due anni di viaggio con mio marito Noah e la figlia di quattro anni, Lila, ho trovato che le ricompense superano di gran lunga qualsiasi potenziale svantaggio.

Il genitore arriva prima del turista
Le persone amano i bambini e, se sei abbastanza fortunato da viaggiare con uno, troverai la polvere magica che ti sfiorano. Sarai il primo a salire a bordo di aeroplani e autobus. Incontrerai le persone più facilmente. Sarai più accettato in comunità che potrebbero non averti accettato se sei arrivato da solo.

Sono convinto che Lila fosse la nostra ambasciatrice con la Kuna Yala nelle isole di San Blas a Panama. Lila correva a piedi nudi nel villaggio con gli altri bambini mentre Noah e io chiacchieravamo con i genitori. Eravamo gli unici invitati oltre i confini delle abitazioni turistiche.

La luce dell'imballaggio richiede l'immaginazione
Ho visto Lila trasformare le rocce in un walkie-talkie e le piante in denaro. Ha un amico invisibile di nome Bendy, che, francamente, mi spaventa perché è incline a buttarsi fuori dai finestrini degli autobus. Per non preoccuparsi, Bendy finisce inevitabilmente alla nostra destinazione.

Imballaggio per bambini richiede un po 'di immaginazione. È necessario tenerli intrattenuti sulla strada. Per Lila, compongo un libro da disegno, una lente d'ingrandimento per vedere gli insetti (le piacciono gli insetti) e le provviste d'arte. Facciamo regolarmente passeggiate nella natura per raccogliere bastoncini, conchiglie, spugne e foglie da utilizzare successivamente per progetti artistici.

Ho anche trovato che i palloncini funzionano bene. Saltane uno e hai qualcosa da rimbalzare come una palla. La colla si abbandona e hai un animale di pezza. Le bolle sono anche le preferite. Nel giro di pochi secondi dall'apertura di una bottiglia, ti ritroverai circondato da salti, bambini che ridono tutti in cerca di un turno per far scoppiare le creature traslucide mentre galleggiano via al vento.

Essere pazientare
Non inviteresti un amico che odia sporcarsi a fare escursioni con te nella giungla, e non chiedi a un vegetariano di unirti a te per un hamburger, ma in qualche modo è più facile ignorare il semplice atto di chiedere ai nostri figli ciò che preferiscono .

Ovviamente, un amico di solito ti dirà esattamente cosa vuole, e poi ti dividi e fai cose diverse. Con un bambino, ci sono meno opportunità di andare in modo separato e più di una possibilità che lei si butta a terra, a calci e urla.

Quando gli scoppi di Lila, sta cercando di dirmi qualcosa. Recitare può significare che è affamata o stanca. Può anche significare che le manca la nonna e il nonno o non vuole più viaggiare. Faccio del mio meglio per ascoltare.

I bambini sono infinitamente adattabili
I bambini possono gestire e fare molto più di quanto pensiamo possano. Non hanno bisogno di un monitoraggio costante e possono mostrare molta più pazienza, gentilezza e responsabilità di quanto non li accreditiamo.

Fa triste a Lila dire addio quando lasciamo un posto? Sì, ma tutti devono imparare a salutare. Ha anche imparato a entrare in una folla di estranei e trasformarli in amici, anche se non condividono una lingua comune.

Questo a volte è difficile per me. Voglio proteggerla dal farsi male, ma la tristezza è una parte inevitabile della vita. Ho anche dovuto lasciare andare l'idea che io sappia cosa è meglio e permettere a Lila di navigare il mondo un po 'da sola.

E non è esattamente quello per cui tutti ci battiamo, adulto o bambino, quando usciamo di casa per viaggiare?

Leigh viaggia con i suoi figli in tutto il mondo. Per ulteriori consigli su come viaggiare con i bambini e sulle avventure di viaggio della sua famiglia, dai un'occhiata al suo sito Web The Future is Red.

Lascia Un Commento: