• Il Meglio Della Settimana

La migliore architettura italiana: Brunelleschi e altro

La migliore architettura italiana: Brunelleschi e altro

I nostri edifici italiani preferiti Di Sylvia Hogg e Stephen Brewer

Il nuovo L'Italia giorno per giorno offre itinerari regionali e urbani che ti aiuteranno a massimizzare il tuo tempo mentre visiti le principali attrazioni del paese. Visita i favolosi scenari della Costiera Amalfitana, cammina tra le Cinque Terre, attraversa i vigneti della Toscana, esplora i migliori siti archeologici della Sicilia, o mangia la tua strada attraverso il Piemonte.

Qui ci sono nove edifici che non mancano mai di stupirci, anche dopo visite ripetute.

Didascalia foto: Vernazza e le altre città delle Cinque Terre possono essere raggiunte a piedi, in treno o via mare.

Didascalia: Il Battistero e la torre di Pisa fanno parte della piazza nota come Campo dei Miracoli.

Pantheon, Roma L'edificio antico meglio conservato e più elegante di Roma - se non del mondo - fu costruito ed eventualmente progettato da Adriano dal 118 al 125 d.C. ed è coronato da una cupola di 44 m di larghezza (143 piedi), versato in calcestruzzo quasi 2000 anni fa e mai modificato strutturalmente.

Didascalia: Interno della cupola del Pantheon, Roma.

Villa d'Este, Roma Grotte stravaganti, canali impetuosi e specchi d'acqua riflettono i giardini del palazzo del piacere del nobile e cardinale rinascimentale Ippolito d'Este.

Didascalia: Villa d'Este, situata a Tivoli fuori Roma. Foto di MargaritaS / Frommers.com Community.

Cupola del Brunelleschi, Firenze La cupola iconica di Filippo Brunelleschi è uno dei più magnifici esempi di architettura rinascimentale del mondo e, salendo verso l'alto, sperimenterai in prima persona l'originale design a doppio guscio mentre ti stringi tra l'interno e le cupole esterne.

Didascalia: la cupola del Brunelleschi in cima al Duomo ha incoronato lo skyline di Firenze dal 1436.

Torre Pendente, Pisa La stessa parola "Pisa" evoca immagini di un gioiosamente sospettoso, cilindro di marmo bianco ornato, incorniciato da cieli blu soleggiati e iconico dell'Italia come pizza e salsa di pomodoro. Una visione e una sessione fotografica non sono sufficienti: scalare la torre è una delle esperienze più esilaranti d'Italia.

Didascalia: La torre pendente di Pisa, o Torre pendente, è stata sbalzata da quando le sue prime pietre furono posate nel 1173.

Certosa di Pavia, Pavia Questa città a sud di Milano fu una corte per le famiglie dominanti Visconti e Sforza, e alla Certosa sono sepolte dietro una facciata di marmo riccamente colorato, tra affreschi, dipinti e statue elaborate. I monaci cistercensi risiedono nella Certosa in cottage a due piani, ognuno con il proprio orto, che circondano l'enorme chiostro.

Didascalia: La Certosa è solo una delle tante meraviglie architettoniche di Pavia, che ha perso molto.

Galleria Vittorio Emanuele II, Milano La galleria commerciale vetrata al centro di Milano, incastonata tra il Duomo e la Scala e inaugurata nel 1867, è il prototipo dei centri commerciali di tutto il mondo. I milanesi sono orgogliosi di riferirsi al loro punto di riferimento come il "Salotto di Milano".

Didascalia: La Galleria Vittorio Emanuele II del 1867 con il tetto di vetro è diventata un modello per i centri commerciali di tutto il mondo.

Palazzo Borromeo, Lago Maggiore I giardini e il palazzo costruiti per una distinta linea di cardinali milanesi e contano su un affioramento roccioso nel Lago Maggiore sono incredibilmente eccessivi ma una meraviglia da ammirare.

Didascalia foto: Pavoni per motivi di Palazzo Borromeo, Lago Maggiore. Foto di catmarble / Frommers.com Community.

Palazzo del Teè, Mantova Sull'arcata monumentale all'ingresso del palazzo del piacere di Federico II Gonzaga, la chiave di volta sembra essere fuori posto - una prefigurazione del capriccio che si trova nei saloni oltre, dove ogni superficie è coperta con affreschi e stucchi

Didascalia foto: Palazzo del Te, Mantova. Foto di Allie Caulfield / Flickr.com.

Stupinigi, Torino Filippo Juvarra aveva in mente più di una semplice loggia quando nel 1729 creò questo ritiro in mezzo ai terreni di caccia dei Savoia: 137 stanze e 17 gallerie sono disposte lungo quattro ali ad angolo da una sala principale ovale sormontata da un cervo in bronzo .

Didascalia: Il cervo in bronzo in cima allo Stupinigi suggerisce l'uso originario del palazzo come residenza di caccia reale per i Savoia.

Lascia Un Commento: