• Il Meglio Della Settimana

Le esperienze preferite di Frommer a Roma

Le esperienze preferite di Frommer a Roma

Passeggiando per l'antica Roma Un vasto parco archeologico quasi unificato attraversa il centro di Roma. Per coloro che vogliono una guida specifica, abbiamo un tour a piedi che ti condurrà attraverso queste rovine ossessionanti. Ma è divertente girovagare per conto proprio e lasciarsi perdere nelle stesse strade dove un tempo calpestavano Giulio Cesare e Lucrezia Borgia

Un pezzo di storia si svolge ad ogni angolo: un'antica fontana, una statua da tempo dimenticata, un tempio in rovina dedicato a un culto sbiadito da tempo. Una stradina si apre improvvisamente alla vista di un arco di trionfo. Il Foro Romano e il Palatino sono i punti salienti, ma la gloria di Roma non si limita a questi polverosi campi. Se vaghi abbastanza a lungo, finirai per sbucare in Piazza della Rotonda per fissare in soggezione uno dei luoghi più gloriosi di Roma, il Pantheon.

Uscire al Pantheon Il monumento antico meglio conservato al mondo è ora un punto caldo, specialmente di notte. Trova un tavolo da caffè sulla piazza e prendi parte all'azione, che aspetta tutto tranne un giovane Fellini per registrarlo. Il Pantheon è diventato un simbolo di Roma stessa, e dobbiamo ringraziare Adriano per averlo lasciato al mondo. Quando ti stanchi di guardare la gente e cappuccino, puoi entrare a ispezionare la tomba di Raffaello, che fu sepolto qui nel 1520. (La sua amante, "La Fornarina", non era autorizzata a partecipare ai servizi).

Poche cose sono più drammatiche dell'essere nel Pantheon durante un temporale, guardando i fogli d'acqua schizzare sul pavimento di marmo colorato. Entra attraverso l'occhio in alto, che fornisce l'unica luce per l'interno.

Prendere un giro in bici di domenica Solo un temerario lo proverebbe per le strade della città in un giorno feriale, ma in una limpida domenica mattina, mentre i romani sono ancora addormentati, puoi noleggiare una bicicletta e scoprire Roma con le tue due ruote. La Villa Borghese è il posto migliore per andare in bicicletta. I suoi confini di 6,5 km (4 miglia) contengono un mondo a sé, con musei e gallerie, una scuola di equitazione, un lago artificiale e un anfiteatro erboso. Un altro luogo di scelta per la domenica in bicicletta è la Villa Doria Pamphili, un ampio parco che si trova sopra il Gianicolo. Disposto a metà del 1600, questo è il parco più grande di Roma, con numerose fontane e alcune case estive.

Passeggiando al tramonto nei giardini del Pincio Sopra la famosa Piazza del Popolo, questa collina terrazzata e lussureggiante è il luogo più romantico per una passeggiata al tramonto. Un bagliore color rosa-arancio polveroso spesso colora il cielo, conferendo un'aura ultraterrena ai pini ombrosi del parco e alle ampie strade. Gli antichi romani trasformarono questa collina in giardini, ma l'aspetto di oggi venne dal disegno di Giuseppe Valadier nel 1800. Fermati nella piazza principale, Napoleone I, per una vista spettacolare della città che si estende dal Gianicolo a Monte Mario.

Godendo Roma di Notte Di notte, monumenti antichi, come il Foro, sono immersi in una luce bianca teatrale; è emozionante vedere il bagliore del Colosseo con la luna che sorge dietro i suoi archi. Inizia la serata con una passeggiata romana (passeggiata serale) lungo Via del Corso o Piazza Navona. C'è anche molta azione in corso all'interno dei club, da Via Veneto a Piazza Navona. I bambini del club affollano le colorate stradine di Trastevere, l'area intorno al Pantheon e il Testaccio ancora più remoto. La scena jazz è particolarmente buona, e spesso compaiono grandi nomi. Una pubblicazione in lingua inglese disponibile in edicola, Ricercato a Roma (www.wantedinrome.com), ti manterrà aggiornato su ciò che sta accadendo.

Alla scoperta di Campo de 'Fiori a metà mattina In una cornice incomparabile di case medievali, Campo de' Firori è il mercato ortofrutticolo più vivace di Roma, dove i venditori ambulanti offrono le loro merci come hanno fatto per secoli. Il mercato è più visitato dopo le 9:00 di ogni giorno tranne la domenica. Un tempo il principale sito per le locande medievali di Roma (molti dei quali erano di proprietà di Vanozza Catanei, la cortigiana del XV secolo e amante di papa Alessandro VI Borgia), questa piazza conserva parte della sua antica atmosfera bohémien. Veniamo spesso qui quando siamo a Roma per una visione unica e vivace della vita locale. Spesso troverai il tuo chef di trattoria preferito che contrattacca per i prodotti migliori e più freschi, dalle ciliegie fresche al pomodoro perfettamente stagionato.

Passeggiando lungo il Tevere Senza il fiume Tevere, forse non c'era nessuna Roma. Un personaggio chiave nella storia della città per millenni, il fiume ha invaso la capitale ogni inverno fino a quando non fu domato nel 1870. I massicci argini lungotevere su entrambi i lati del Tevere controllano le acque e fanno un posto perfetto per una passeggiata memorabile. Non si può solo camminare lungo il fiume da cui Cleopatra ha fatto il suo grande ingresso a Roma, ma vedrai anche la vita sul fiume di Trastevere e il Ghetto ebraico. Inizia in Piazza della Bocca della Verità in prima serata; da lì, puoi andare per circa 3 km (1¾ miglia) o più.

Fare un picnic all'Isola Tiberina Nell'antichità, l'Isola Tiberina a forma di barca si trovava di fronte al porto di Roma e dal 293 a.C. era sede di un tempio dedicato ad Esculapio, il dio della guarigione. Una chiesa fu costruita nel 10 ° secolo sulle rovine di questo antico tempio. È possibile raggiungere l'isola dal Ghetto ebraico tramite la passerella di Ponte Fabricio, che risale al 62 a.C. ed è il più antico ponte originale del Tevere. I romani vengono qui per prendere il sole, seduti sulle rive del fiume e per sfuggire al traffico e alla folla. Arrivo con gli ingredienti di un picnic, e il giorno è tuo.

Seguendo le orme del Bernini Uno dei modi più divertenti per vedere Roma è seguire le tracce di Giovanni Lorenzo Bernini (1598-1680), che ha lasciato un segno più grande sulla città di persino Michelangelo. Sotto il patronato di tre diversi papi, Bernini "barò" Roma. Inizia da Largo di Santa Susanna, a nord della Stazione Termini, nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria, che ospita una delle sculture più controverse del Bernini, la Estasi di Santa Teresa, dal 1646. Passeggiata da qui lungo Via Barberini a Piazza Barberini, nel cui centro si trova la seconda fontana più drammatica del Bernini, la Fontana del Tritone.

Dalla piazza, percorrere Via delle Quattro Fontane, aggirando (sulla vostra sinistra) il Palazzo Barberini, progettato da Bernini e altri per Papa Urbano VIII. Al famoso incrocio di Roma, Le Quattro Fontane, prendi Via del Quirinale per vedere la facciata di Sant'Andrea, una delle più grandi chiese dell'artista. Prosegui verso ovest, aggirando il Pantheon, per arrivare infine a Piazza Navona, che Bernini rimodellò per papa Innocenzo X. La fontana centrale, la Fontana dei Fiumi, è il capolavoro del Bernini, anche se le figure raffiguranti i quattro fiumi furono scolpite da altri seguendo i suoi piani.

Trascorrere una giornata sulla via Appiaese Risalente al 312 a.C., la Via Appia (Via Appia) attraversava una volta l'intera penisola d'Italia ed era la strada su cui le legioni romane marciavano verso Brindisi e le loro conquiste in Oriente. Uno dei suoi momenti più bui fu la crocifissione del 71 a.C. dell'esercito ribelle schiavo di Spartaco, i cui corpi fiancheggiavano la strada da Roma a Capua. Romani alla moda furono sepolti qui, e i primi cristiani scavarono catacombe in cui poter vivere tra i loro morti.

Comincia dalla Tomba di Cecilia Metella e prosegui lungo la Via Appia Antica superando una serie di tombe e monumenti (tra cui un monumento a Seneca, il grande moralista che si suicidò per ordine di Nerone e un altro a Papa Urbano, che regnò 222-230). Le attrazioni lungo la Via Appia Antica sono tra le più affascinanti di Roma. Puoi arrivare fino alla Chiesa di Domine Quo Vadis.

Assaporare il gelato in un pomeriggio d'estate Avere un gelato in una calda giornata estiva merita l'attesa per il lungo inverno. Vaschette di gelati artigianali ti aspettano in una gamma incredibile di sapori: dalle scorze d'arancia candite al cioccolato, dall'anguria al riso. gelaterie offrire semifreddi intrugli (fatto con crema al posto del latte) in sapori come la mandorla, marengo (un tipo di meringa), e zabaione (o zabaione, zabaione). La frutta fresca di stagione viene trasformata in gelati di mirtillo, ciliegia e pesca. Granito (ghiaccio tritato) aromatizzato con frutta dolce è un altro piacere fresco in una notte afosa. Tre Scalini a Piazza Navona è il posto più favoloso per divertirsi divino tartufo, una miscela di cioccolato con un gusto per abbinare il suo nome.

Mangiare in una piazza nascosta Se sei a Roma con quella persona speciale, apprezzerai la storia d'amore di scoprire la tua piccola trattoria di quartiere che si apre su una piazza dimenticata nel cuore dell'antica Roma. E se la tua cena serale si prolunga per 3 o 4 ore, chi sta contando? I camerieri non ti porteranno fuori di corsa anche quando avrai oltrepassato il tuo tempo al tavolo.

Ascoltare la musica nelle chiese Artisti come Plácido Domingo e Luciano Pavarotti si sono esibiti in giro per Roma in sale che vanno dalle chiese alle antiche rovine. Le chiese spesso ospitano concerti, anche se per decreto di Papa Giovanni Paolo II, devono consistere in musica sacra. Quando vengono eseguiti concerti in chiesa, i programmi appaiono non solo al di fuori della chiesa, ma anche su vari annunci pubblicati in tutta Roma.

I migliori professionisti giocano nelle chiese "big-name", ma non trascurano quelle chiese più piccole e difficili da trovare nelle piazze nascoste. Alcuni dei migliori musicisti che abbiamo mai ascoltato sono stati i musicisti emergenti che hanno iniziato la loro carriera in queste chiese poco conosciute. Il più grande evento è il concerto della RAI (National Broadcasting Company) il 5 dicembre a San Pietro - anche il papa partecipa. Altri luoghi preferiti per la musica sacra sono Sant'Ignazio di Loyola, in Piazza di Sant'Ignazio, e San Paolo Fuori le Mura, in Via Ostiense 186.

Passeggiando dalla fontana alla fontana Nelle notti estive troverete i romani - specialmente quelli che vivono in appartamenti affollati senza aria condizionata - a passeggio dalla fontana alla fontana di raffreddamento. Ogni visitatore compie almeno un viaggio nella fontana del Bernini in Piazza Navona, dopo essersi fermato alla Fontana di Trevi per lanciare una moneta (assicurando così il loro ritorno a Roma), ma ce ne sono altre centinaia.

Una perla nascosta è la Fontana delle Tartarughe, nella piccola Piazza Mattei. È rimasto lì dal 1581, un gioiello di scultura rinascimentale che mostra i giovani che aiutano le tartarughe in un bacino. La nostra fontana del Bernini preferita è in Piazza Barberini; la sua Fontana del Tritone è una magnifica opera d'arte del 1642 che mostra il dio del mare che soffia attraverso un guscio. Sfortunatamente, ora è contro la legge saltare in queste fontane e andare in giro come fece Anita Ekberg la dolce vita.

Lascia Un Commento: